progetti per il futuro

Progetti per il futuro:

  • Riparare la tapparella nella stanza di Belvina.
  • Cedere, a titolo gratuito,  mia moglie a qualche facoltoso emiro del medio oriente che possa soddisfare la sua estrema voglia di shopping compulsivo.
  • Sturare il lavandino.
  • Decidermi una buona volta a fare giornalmente la raccolta differenziata dei rifiuti. Attualmente, poichè ogni cosa che faccio mi piace farla bene,  i rifiuti li deposito in un angolo della casa e nel fine settimana, quando il tempo non è buono per andare in montagna o al mare, li seleziono per tipologia: plastica, umido, metalli, carta, pannolini, lamette per la barba (le lame con i metalli, il manico con la plastica), siringhe (l’ago con i metalli – dopo aver tolto il pezzetto di plastica , ecc. ecc.). E’ un lavoro impegnativo ma di grande soddisfazione.
  • Fondare, insieme all’amico Domenico, l’associazione  “Camosci di Puglia” destinata a chiunque, in possesso dell’età giusta, ama fare lunghe camminate e arrampicate in montagna.
  • Intervenire presso le Nazioni Unite affinchè venga istituita, a livello mondiale, la Festa dell’Uomo. (Come sappiamo tutti, attualmente c’è la festa dei Nonni, la festa della Mamma, la festa del Papà, la festa della Donna ma non la festa dell’Uomo: l’Uomo inventore, L’Uomo minatore, l’Uomo chirurgo, l’Uomo ginecologo, l’Uomo che monta la ruota di scorta della macchina, l’Uomo che controlla il livello dell’olio o dell’acqua, l’Uomo che monta le catene da neve, ecc.).
  • Cambiare l’olio alla macchina.
  • Iscrivermi ad un corso di ballo per poter partecipare con mia moglie (ci tiene tanto) ad una trasmissione televisiva che, se ricordo bene, si chiama Ballando sotto le stelle.
  • Tagliare le unghie dei piedi.
  • Mettere giudizio.
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: