un pò di me

Un pò di me…

La mia moto:

è una Gilera G 98 SS degli anni 70.

Non è in condizioni da concorso, ma per me l’importante è che sia meccanicamente a posto.

Lista moto (per viaggi a medio raggio)

ID occorrente dove metterlo
1 agendina indirizzi marsupio
2 soldi e documenti marsupio
3 penna marsupio
4 telefonino (spento) borsa sul serbatoio
5 fotocamera marsupio
6 carta geografica e documenti moto borsa sul serbatoio
7 impermeabile (giacca e pantaloni) borsa laterale destra
8 casco con visiera in testa
9 giubbino catarinfrangente e guanti addosso
10 corda ed elastici per legare moto borsa laterale sinistra
11 torcia elettrica borsa laterale sinistra
12 borraccia con acqua borsa laterale sinistra
13 cibo di emergenza borse laterali
14 fazzoletti di carta, cerotti, fiammiferi marsupio
15 sapone dentifricio lamette sapone barba carta i. borsa laterale destra
16 tenda e sacco a pelo sul sedile posteriore
17 intimo di ricambio borsa laterale destra
18 orologio e coltellino multiuso marsupio
19 occhiali ricambio in astruccio borsa sul serbatoio
20 attrezzi per la moto (lista a parte) cassetta metallica sul portabagagli

===============================

 






La mia auto


  • La mia auto ha una robusta carrozzeria firmata Bertone.
  • La mia auto ha il motore System Porsche.

    la mia auto

    la mia auto

  • La mia auto NON ha il servosterzo: un pezzo in meno da potersi guastare.
  • La mia auto NON ha l’aria condizionata: vi si respira sempre l’aria di stagione senza paura di pericolosi sbalzi di temperatura.
  • La mia auto è alta da terra abbastanza  per far sì che il sottoscocca non urti a terra ad ogni minima asperità della strada.
  • La mia auto non ha il ruotino ma la normale RUOTA di scorta.
  • La mia auto NON ha gli alzacristalli elettrici.
  • La mia auto NON ha gli specchietti retrovisori elettrici: se si rompono è facile e poco costoso sostituirli.
  • La mia auto NON ha la chiusura radiocomandata: nessuna paura di rimanere fuori.
  • La mia auto NON ha il computer di bordo: una distrazione in meno per chi guida.
  • La mia auto NON ha gli airbag: nessun pericolo di vedersi scoppiare in faccia un palloncino, nessuna illusione di rimanere incolumi in caso di incidente (“tanto c’è l’airbag“) e invito ad essere sempre prudenti.
  • La mia auto ha la radio  ma NON  il lettore CD : una distrazione in meno per chi guida.
  • La mia auto è munita di navigatore CARTOGRAFICO (in poche parole… la cartina stradale): nessuna voce petulante da ascoltare e una distrazione in meno per chi guida.
  • La mia auto ha i paraurti in GOMMA: nessuna paura se durante il parcheggio urto, o sono urtato da, un’altra macchina.
  • La mia auto non teme l’autovelox.
  • La mia auto ha le grondaie sul tetto: così è facile montarvi il portapacchi.
  • La mia auto è fabbricata in un Paese che ha questo inno nazionale:
  • (ascoltalo)(ad alto volume)
  • La mia auto dorme sempre all’aperto.
  • La mia auto è ecologica: consapevole di quanto sia devastante per l’ambiente  un autolavaggio, all’esterno si lava quando piove e all’interno solo nelle grandi occasioni…

D’accordo,  anche la mia auto ha qualche difetto:

  • piove dentro.
  • non cammina. (per lei le strade dovrebbero essere tutte in discesa…quando devo andare in vacanza con gli amici ognuno con la propria macchina, io sono costretto a partire tre giorni prima…).

ma ha anche qualche pregio:

  • ti fa sentire importante. (le persone importanti non hanno mai fretta).
  • distinzione, prestigio, esclusività per chi sale a bordo.
  • è fabbricata da una Casa che ha scritto una pagina luminosa nella Storia dell’Automobile.
  • è inserita e segnalata in questo sito di Automobili.

Tutti mi dicono: che cosa aspetti a rottamarla ?

Ma come posso rottamare un’auto:

appena maggiorenne,
che non ha ancora percorso i kilometri che separano la terra dalla luna,
che cammina ancora con la MARMITTA ORIGINALE,
che non mi ha lasciato mai per strada e che, tra le altre cose:
  • non mi riempie la casa di inutili barattoli di plastica,
  • non mi chiede di andare ad Auchan ogni settimana,
  • non mi costringe ad ascoltare l’orribile rumore del Bimbi,
  • non mi manda a comprare “i fiocchi di latte”,
  • non avvelena la mia casa con decine e decine di prodotti per la pulizia,
  • non mi costringe a mangiare i cibi delle sue diete macrobiotiche,
  • non fa nessuna raccolta punti,
  • non smarrisce un ombrello a settimana,
  • non mi costringe all’ora di pranzo di guardare in televisione quegli insulsi programmi di cucina,
  • e non sbaglia mai il candeggio !?!?


Le mie precedenti auto: (anch’esse inserite e segnalate nel sito di Automobili di cui sopra…)

NSU Prinz L (la mia prima auto)

La mia Prinz

pregi:

  • motore eccezionale (600 cc – 30 hp – raffreddato ad aria) con albero a camme in testa comandato da biellette.
  • bassi consumi
  • raggio di sterzata minimo
  • buona capacità di carico

difetti

  • carrozzeria soggetta alla ruggine
  • dinamotore
  • accensione con puntine platinate
  • scarsa altezza da terra.

Di questa auto ho imbalsamato (vedi foto) il blocco cilindri con testata e carburatore e gli ingranaggi del cambio.

il blocco motore della mia prinz

il blocco motore della mia prinz

Wolkswagen POLO  primo modello  (alias Audi 50) (la mia seconda auto)

pregi : motore 900 cc 4 marce 40 hp dalla elasticità eccezionale.

difetti: carrozzeria soggetta alla ruggine.

————————————————————————————————–

Sono ottimista

Sono fondamentalmente ottimista e penso che in fondo anche i pessimisti lo siano: essi “pensano a male per trovarsi bene”.   (Illusi: non immaginate neanche il verso che possono prendere gli avvenimenti…)

Un giorno sulla terra non esisteranno più guerre, ma solo missioni di pace.

Un giorno gli uomini (o gruppi di uomini) riusciranno a vivere così a lungo da eguagliare la longevità di alcuni personaggi della Bibbia: peccato che saranno denunciati e perseguiti per truffa all’INPS.

La vita è come una scuola dell’obbligo: la si può frequentare con entusiasmo, sciattamente, con diligenza, facendosi onore, di mala voglia, con scarsi risultati o raggiungendo traguardi prestigiosi. Comunque la si frequenti alla fine del corso di studio si è comunque promossi e si riceve anche un bel diplomino con i bordi neri e viola.

=======================================

Ecologia

Con cadenza regolare i mezzi di comunicazione ripropongono una vecchia diatriba: con quale frequenza un uomo deve farsi la doccia per essere considerato civile. Tempo fa Fulco Pratesi, presidente onorario WWF, ebbe a dichiarare, in contrapposizione  a chi affermava che bisogna farsi la doccia una (o due o tre) volte al giorno, che lui la doccia se la faceva ogni settimana, (o ogni 15 giorni, non ricordo): apriti cielo ! ecco che su tutti i giornali si aprirono accesi dibattiti, su internet si aprirono forum di discussione, in facebook si crearono gruppi a sostegno di Fulco Pratesi e gruppi contrari…

Questo episodio mette in luce una cosa: persino Fulco Pratesi, presidente del WWF, non ha percepito totalmente quanto sia devastante per l’ambiente ogni doccia che non sia più che necessaria. Personalmente penso che rimuovere troppo frequentemente lo strato protettivo dalla pelle per riversarlo nella falda acquifera sia  controproducente per la salute della epidermide e che una doccia non dovrebbe essere banalizzata con frequenze inaccettabili e dannose per l’ambiente ma  dovrebbe accompagnare e sottolineare i grandi avvenimenti astronomici che si susseguono nell’arco dell’anno: le lune piene, le lune nuove, i solstizi, gli equinozi, le eclissi di sole, le eclissi di luna, il passaggio delle comete, Natale e Pasqua.

L’altro giorno, mia figlia Belvina, a me che facevo presente che mi dava enormemente fastidio sentire l’odore acre del “mangiapolvere” che viene usato a profusione nei momenti meno opportuni (per esempio a tavola) ebbe a dire: “ha parlato il re della puzza !” (Un’altra volta ebbe a definirmi “il premio nobel della pulizia”). Sempre la stessa figlia, in un’altra occasione, rivolgendosi  alla mamma (mia moglie) che protestava perchè arraffavo da tutti i piatti i pezzetti di grasso scartati dai commensali (in famiglia mi definiscono “il cassonetto”) disse: “E fallo mangiare…, così morirà prima…!!!“.

Questi sono i figli di oggi. E  sono  andati  a  scuola …!!!

============================

Amo gli animali

Oltre al cavallo (e all’asino) amo in modo particolare i seguenti animali:

dalla mia finestra

dalla mia finestra

  • il riccio
  • la civetta
  • il rospo
  • la rana

    un angolo della mia casa

    un angolo della mia casa

  • il pettirosso
  • il lombrico
  • il ragnetto
  • il geco
  • la lucertola
  • il ramarro
  • la biscia
  • la capinera
  • la gazza
  • la ghiandaia
  • il pipistrello
  • la talpa
  • la tartaruga
  • la faina
  • la volpe
  • l’upupa
  • gli acari
  • il tonno
  • il plancton
  • il punteruoso rosso

lucertola delle murge

(quasi tutti bazzicano nelle vicinanze della mia casa)

=============================

Lo sport

Mi piace usare la bicicletta, mi piace il ping pong, mi piace l’immersione in apnea, il nuoto e l’equitazione. Ogni quattro anni, in occasione dei mondiali, divento appassionato “del pallone”: naturalmente vedo le partite perchè in quei giorni sugli altri programmi non c’è nulla da vedere e comunque più che seguire il pallone che rimbalza da una porta all’altra sto attento a leggere le pubblicità nello stadio per non subirle in modo subliminale. Secondo me la pubblicità negli stadi è una vera e propria pubblicità subliminale (proibita dalla legge) per tutti i tifosi telespettatori concentrati a seguire solo il movimento del pallone.    Giustifico l’esistenza del giuoco del calcio e di tutto il carrozzone che vi gira intorno solo perchè ha ispirato questo inno (ascoltalo).

Da qualche tempo sto riversando la mia attenzione su tre specialità sportive che sto praticando a livello agonistico:

  1. il dispotismo
  2. il divanismo estremo
  3. la maratona (sul percorso divano-frigorifero e viceversa).

============================================

Responses

  1. Complimenti per le automobili che hai posseduto! Io sono ancora giovane, l’unica auto che ho è una Clio del 97 e tipo la tua non ha assolutamente nulla, apparte 4 gomme, un motore (a metano), un po’ di lamiera e qualche vetro!

    Azzardo una risposta sulla tua auto: è la Auto-Vaz Lada Samara? Dopo quell’inno mi è sembrato tutto chiaro!

    PS: Ho notato il tuo sito navigando per Auto di merda, a cui partecipo! Alla prossima!


%d blogger cliccano Mi Piace per questo: